art4sport ONLUS

img_2958
2862016

L’Associazione art4sport ONLUS si occupa di bambini e ragazzi con amputazioni di arto. La missione è quella di supportarli economicamente e a livello pratico e organizzativo per permettere loro di gioire della bellezza della vita attraverso la pratica di attività sportiva in condivisione con altri bambini, disabili e normodotati.

Nascono così tanti progetti sportivi dedicati ai singoli bambini disabili sparsi per l'Italia, oggi sono 20 e formano l'art4sport team. Ognuno di loro viene seguito in un percorso sportivo ma anche di vita, fatto di crescita personale e di rafforzamento del fisico ma anche e soprattutto dello spirito. Nella nostra visione iniziale il bambino disabile ha un ruolo "passivo", riceve aiuti per stare bene.

I ragazzi dell'art4sport team realizzano i loro sogni sportivi e di vita e diventano un grande esempio per gli altri. Infatti, malgrado i problemi e le difficoltà oggettive che incontrano nella vita di tutti i giorni, con la forza di volontà e l'aiuto della famiglia questi ragazzi riescono a superare gli ostacoli e a godersi la vita, guardando al futuro con voglia ed ottimismo. Dal ruolo passivo che avevano all'inizio ora assumono un nuovo ruolo, diventano "attivi", straordinario esempio ed ispirazione per tutti, disabili e normodotati, grandi e piccoli.

“Da solo non sei nessuno, ma insieme puoi arrivare dappertutto“ afferma convinta Bebe Vio testimonial dell’Associazione.

Perché tutto questo? Siamo Teresa e Ruggero mamma e papà di tre figli, Nicolò, Beatrice e Maria Sole e per spiegarvi tutto questo vi raccontiamo ciò che nel 2008 ci è accaduto: un’esperienza importante ha trasformato il nostro percorso familiare in una testimonianza di vita vera modificando radicalmente la nostra quotidianità.

Partiamo dall’inizio…Era il 2008 e più precisamente mercoledì 19 novembre, Beatrice aveva 11 anni e quel pomeriggio aveva gli allenamenti di scherma in palestra a Mogliano Veneto, cittadina dove tutt’ora viviamo. Squilla il telefono di casa e dicono che Beatrice non stava bene, accusava un forte mal di testa. Arrivata a casa, abbiamo subito capito che si trattava di una bella influenza, Maria Sole ne era appena uscita.

Il giorno dopo la situazione non era migliorata, anzi, Beatrice aveva febbre alta, vomitava e sentiva un gran male al petto e respirava in modo strano. Inoltre in mezzo alla fronte aveva una macchia tonda e la seconda comparve sul cuore. Nel giro di poco tempo il corpo di Beatrice si è ricoperto di macchie e non avevamo la più pallida idea di cosa potesse scatenare tutto ciò. Così dopo aver contattato la pediatra e non essendo la sua diagnosi per noi convincente, d’istinto siamo andati in pronto soccorso. Una meningite fulminante le ha causato una grave infezione del sangue e ha devastato il suo giovane corpo portando alla tragica conseguenza dell’amputazione di tutti e quattro gli arti. 104 giorni passati in ospedale, giorni fatti soprattutto di paura, paura di perdere tua figlia in bilico tra la vita e la morte ma nello stesso tempo giorni fatti di piccoli passi avanti uniti facendoci forza gli uni con gli altri; come piace dire a Beatrice “Da solo non sei nessuno” e davvero…è così. Spesso ci chiedono: “ma, come avete fatto?” Noi crediamo che chiunque ce la possa fare, chiunque lotterebbe per il proprio figlio è naturale, viene da dentro. Dobbiamo dire che la nostra salvezza sono stati gli altri figli, devi riuscire ad essere forte, essere forte per loro; è questa la ragione.

Beatrice non si è lasciata sopraffare dalle conseguenze della grave malattia e con la grinta e la forza che le sono proprie è tornata ad affrontare la vita con l’energia ed il sorriso di sempre, riprendendo a fare ciò che faceva prima. Dopo meno di un anno Beatrice riesce a riprendere tutte le sue attività di prima, soprattutto la scherma, sua grande passione! Grazie allo sport Beatrice "rinasce" con il nome Bebe.

Ovviamente per poter tornare a tirare di scherma ci siamo attivati per conoscere la realtà delle protesi sportive e delle attrezzature sportive per i ragazzi amputati e ci siamo dovuti scontrare con la sconcertante situazione italiana dove c’è l’assoluta mancanza di supporto da parte del Sistema Sanitario Nazionale.

Da qui è nata la decisione di dare un senso a tutto ciò, anche se, si sa, non è facile trovarlo. Abbiamo dato vita ad un’Associazione che fungesse da punto di riferimento per lei e per altri ragazzi con le stesse problematiche e con lo stesso desiderio: praticare sport. L’Associazione art4sport ONLUS comincia quindi dal 2009 ad occuparsi di bambini e ragazzi con amputazioni di arto. La missione è quella di supportarli economicamente e a livello pratico/organizzativo per permettere loro di gioire della bellezza della vita attraverso la pratica di attività sportiva in condivisione con altri bambini, disabili e normodotati.

Nascono così tanti progetti sportivi dedicati ai singoli bambini disabili sparsi per l'Italia, oggi sono 20 e formano l'art4sport team. Ognuno di loro viene seguito in un percorso sportivo ma anche di vita, fatto di crescita personale e di rafforzamento del fisico ma anche e soprattutto dello spirito. Nella nostra visione iniziale il bambino disabile ha un ruolo "passivo", riceve aiuti per stare bene.

Presto il focus dell'associazione si sposta dalla persona (il bambino con disabilità) alla famiglia, perché un disabile non è mai solo, nel bene o nel male, ma è l'espressione di un nucleo più grande, la sua famiglia. Abbiamo capito che non basta aiutare i bambini, bisogna supportare anche le loro famiglie! Così è nato il primo progetto di gruppo, “ski4sport”, dedicato ai bambini ed alle loro famiglie. Dal 2011 portiamo i bambini insieme alle famiglie a fare un corso di sci coadiuvati da un team di maestri esperti nell'insegnamento dello sci per disabili. Sono 4 giorni intensi durante i quali i bambini, i genitori ed i vari fratelli hanno la possibilità di conoscersi meglio e vivere esperienze in comune. E' un momento di grande crescita per tutti.

Purtroppo lo scorso anno non è stato possibile organizzarlo perché è saltato il sostenitore che doveva aiutarci mettendoci a disposizione i suoi fondi. Contiamo di riuscire a trovare un valido aiuto per il 2017!

"Se loro ce la fanno allora anch'io ce la posso fare (o anche mio figlio ce la può fare)" E' il pensiero che fanno tante persone guardando questi ragazzi. Siamo tutti diversi ma ognuno di noi ha i suoi problemi e le sue difficoltà e paure e, in fondo, siamo tutti un po’ "disabili", perchè a ciascuno di noi manca qualcosa. A qualcuno una mano o una gamba, o la possibilità di camminare, ma a qualcun'altro la forza, il coraggio, la tenacia o la perseveranza e spesso ci fermiamo o perdiamo per strada convinti di non potercela fare. In realtà ciascuno di noi ha altre qualità fisiche o morali per poter sopperire a queste mancanze e con l'aiuto della famiglia o degli amici possiamo riprendere il nostro cammino. Questi ragazzi ne sono la prova vivente e l'esempio ispirante.

Il nostro progetto più grande che abbraccia il sociale è Giochi Senza Barriere. Attraverso questo evento, rifacimento dei mitici Giochi Senza Frontiere, facciamo giocare e gareggiare i bambini ed i ragazzi dell'art4sport team insieme a tante altre persone con disabilità e normodotate facendo vedere a tutti come ci si può divertire insieme andando oltre le barriere fisiche e psicologiche che troppo spesso ci fermano. Parliamo di integrazione, ispirazione e sguardo ottimistico al futuro.

Si sono svolti inizialmente nella nostra città natale e dall'anno scorso sono diventati itineranti, partendo da Milano come evento ufficiale di EXPO all'Arena Civica. Quest'anno invece sono approdati a Roma nel magnifico Stadio dei Marmi!

Questa grande esperienza è stata forte e con un esito più che positivo! La nostra vita si è arricchita di nuove cose, modificando e innovando la visione di tantissimi aspetti quotidiani, facendoci entrare in un’ottica di pensiero più aperta e nuova. In poche parole, ci siamo appassionati del mondo paralimpico, abbiamo conosciuto tantissime storie la nostra famiglia si è arricchita di nuovi amici, accogliamo i ragazzi e le loro famiglie, ci innamoriamo delle loro storie e li aiutiamo a disegnare il loro futuro, attraverso il loro sogno sportivo.

Se vuoi sostenere anche tu art4sport dona il tuo 5x1000. Il nostro CF è 94127050261.
GRAZIE!

Se vuoi contattarci il nostro sito è www.art4sport.org

OSA SOGNARE SAGGIAMENTE

Il libro di PAOLA BRUMANA

Una raccolta di indicazioni preziose, di esempi, di testimonianze che conducono il lettore curioso a scoprire o a riordinare con chiarezza accorgimenti che conducono alla felicità e alla gioia di vivere. Il lettore viene esortato a sognare ad occhi aperti, a individuare gli strumenti a lui più congeniali per raggiungere ciò che desidera, ad agire, ad alzarsi in punta di piedi per riuscire a scorgere e a cogliere idee e orizzonti generalmente poco esplorati.